Questura di Viterbo, bilancio 2016: la sicurezza stradale nel Lazio

17 Gennaio 2017

La Questura di Viterbo ha emesso un comunicato inerente la serrata attività svolta durante lo scorso anno da parte della Polizia stradale.

Tempo di bilanci anche per la Polizia stradale del Lazio che nel 2016 ha messo in campo nella regione 40.156 pattuglie di vigilanza stradale e 1.796 di polizia giudiziaria. Agli utenti indisciplinati sono state contestate 87.210 infrazioni al codice della strada, sono state ritirate 3192 patenti di guida e 4503 carte di circolazione, mentre i punti complessivamente decurtati sono stati 99.006. Sulle strade e autostrade della Regione Lazio si è rilevata una lieve diminuzione degli incidenti rispetto al 2015, (-495) con una diminuzione anche del numero di persone che a causa di un incidente stradale hanno perso la vita (-8).
Particolare importanza è stata data ai servizi di contrasto della guida sotto l’effetto di alcool e di sostanze stupefacenti. I conducenti controllati con etilometri, alcool test e drug test nella regione sono stati 47.448 di cui 990 sanzionati. Nello specifico 871 sanzionati per guida in stato di ebbrezza alcolica e 119 denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti mentre per le sole notti dei fine settimana sono stati controllati 7.871 persone, tali servizi sono stati effettuati anche con la presenza dei medici della Polizia di Stato. Ai fini della confisca sono stati sequestrati 119 veicoli, per guida in stato di ebbrezza alcolica con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l e per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.
In attuazione al protocollo d’intesa tra Ministro dell’Interno e Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del luglio 2009, anche nel 2016 la Polstrada del Lazio ha potenziato i controlli dell’autotrasporto professionale, controllando 4457 veicoli pesanti, nell’ambito di 235 servizi mirati, dove sono state accertate 2604 infrazioni e ritirate 62 patenti e 75 carte di circolazione. Particolare attenzione è stata dedicata, altresì, ai controlli del trasporto degli studenti in occasione di gite e viaggi di istruzione. In particolare nella regione Lazio sono stati controllati 1.573 pullman e sono state contestate 341 infrazioni al C.d.s., con 4 patenti di guida e 7 carte di circolazione ritirate. Sono stati, inoltre, rilevate in tutta la regione 5419 infrazioni in specifici controlli selettivi volti a tutelare la sicurezza sociale, alimentare e ambientale, con controlli di legalità nel settore dell’autotrasporto (persone, animali vivi, sostanze alimentari e trasporti eccezionali), e nel settore delle attività di autodemolizione, con particolare attenzione anche alla normativa per la tutela ambientale. Particolare attenzione è stata rivolta ai controlli sull’uso dei telefoni cellulari alla guida con 2.273 infrazioni rilevate mentre 5.375 sono state le sanzioni per il mancato uso delle cinture di sicurezza. Con l’inizio della stagione invernale sono stati intensificati i controlli sulla presenza e sulle condizioni degli pneumatici da neve o sulle catene a bordo per quei tratti stradali indicati nelle specifiche ordinanze. In tutte le province del Lazio, lo scorso anno, sono stati organizzati 57 posti controllo lungo le principali strade statali e regionali per il controllo dei veicoli in accesso ai capoluoghi, in collaborazione con le rispettive Questure e i reparti cinofili della Polizia di Stato. Nel corso di questi servizi sono stati sottoposti a controlli approfonditi 5.535 persone e 4.447 veicoli, una persona è stata arrestata e 39 denunciate all’Autorità Giudiziaria; sono state anche rilevate 812 infrazioni al C.d.S. con il ritiro di 141 patenti di guida e 51 carte di circolazione.
Il 2016 è stato un anno intenso anche per la repressione dei reati connessi al traffico internazionale di veicoli, ai furti di auto e alle falsificazioni documentali.
In ambito regionale sono state arrestate 157 persone, mentre altre 1.894 sono state denunciate. I controlli amministrativi effettuati alle attività commerciali connesse ai cicli di vita dei veicoli, sono stati 424 con la contestazione di 169 sanzioni amministrative e 3.041 veicoli controllati.
I drammatici eventi sismici del 24 agosto e del 30 ottobre in provincia di Rieti hanno visto la Polizia Stradale in prima linea sia nell’attività di soccorso nell’immediatezza dei fatti sia per la gestione della criticità derivanti dai gravissimi danni alla rete stradale adducente alle località colpite, garantendo con le proprie pattuglie il regolare afflusso dei soccorsi e l’evacuazione dei feriti e delle persone sfollate. Dal giorno del primo sisma sono state impiegate ben 2.945 pattuglie.
Non solo repressione ma anche intensa attività di prevenzione attraverso un costante impegno nelle scuole con campagne di sicurezza stradale - la più importante Icaro giunta alla 16^ edizione – con la partecipazione di 400 donne e uomini della polizia stradale che hanno coinvolto nell’educazione stradale oltre 12 mila studenti di tutte l’età, compresi i bambini delle scuole primarie di tutta la regione.
L’impegno nel sociale nel 2016 ha visto anche la realizzazione di un importante progetto volto alla formazione del personale della Polizia Stradale per prestare assistenza alle vittime degli incidenti stradali e dei loro familiari. Si tratta del Progetto Chirone che ha l’obiettivo di supportare il personale della Polizia Stradale e Ferroviaria che si trova ad operare in situazioni di grave stress emotivo e nel contempo di formarli ad un approccio corretto con le vittime di reati e con i familiari delle vittime di gravi incidenti stradali, andando oltre l’aspetto meramente professionale specialistico della ricerca delle prove e dei colpevoli.

Il Punto Della Situazione

Testata iscritta al n. 6/2015 del Reg. stampa del Tribunale di Viterbo
Direttore responsabile: Marco Pompilio

Informativa breve sui cookies Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza, e per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di proseguire nella navigazione su www.ilpuntodellasituazione.it oppure di chiudere questo banner o di cliccare al di fuori di esso, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie policy.   Accetto i cookies di questo sito. Accetto